La storia di San Valentino
La storia di San Valentino

La storia di San Valentino. Affermo che non esiste un altro santo eccezionale come Valentino.
Ogden Nash

Il giorno di San Valentino. Senza San Valentino, febbraio sarebbe … beh, gennaio.
Jim Gaffigan

San Valentino: un’opportunità in più per amare, amarsi e lasciarsi amare.
Jean-Paul Malfatti

Oh, se è per scegliere e chiamarti mio amore, tu sei ogni giorno il mio Valentino!
Thomas Hood

L’amore non è una passione disinteressata.
Marcel Proust

Si dice che altri uomini abbiano visto gli angeli, ma io ti ho visto e tu sei abbastanza.
George Edward Moore

Ho ricevuto un biglietto di San Valentino dalla mia ragazza. Diceva: “Prendi il mio cuore! Prendi le mie braccia! Prendi le mie labbra! ‘Che è proprio come lei. Tenere per sé la parte migliore.
Robert Orben

L’amore è un fumo fatto con il fumo dei sospiri.
William Shakespeare

L’amore non è trovare qualcuno con cui vivere; è trovare qualcuno senza cui non puoi vivere.
Raphael Montanez Ortiz

L’amore non guarda con gli occhi, ma con la mente, e quindi Cupido alato è dipinto cieco.
William Shakespeare

Dio è un mistero, la fede è un mistero, l’amore è un mistero, la morte è un mistero! Ehi, ma aspetta un
po’, a me i misteri non sono mai piaciuti.

Carl William Brown

La suprema felicità della vita è la convinzione di essere amati.
Victor Hugo

L’amore è la poesia dei sensi.
Honoré de Balzac

L’amore è composto da un’unica anima che abita due corpi.
Aristotele

L’amore è un gioco che possono giocare in due e vincere entrambi.
Eva Gabor

Quando l’amore non è pazzia, non è amore.
Pedro Calderon de la Barca

La gravità non è responsabile per le persone che si innamorano.
Albert Einstein

Una parola ci libera da tutto il peso e il dolore della vita: quella parola è amore.
Sofocle

Abbiamo amato con un amore che era più dell’amore.
Edgar Allan Poe

Il giorno degli innamorati
Il giorno degli innamorati

Gli uomini vogliono sempre essere il primo amore di una donna, alle donne piace essere l’ultima storia d’amore di un uomo.
Oscar Wilde

Essere amati profondamente da qualcuno ti dà forza, mentre amare qualcuno profondamente ti dà coraggio.
Laozi

Vieni a invecchiare con me. Il meglio deve ancora venire.
William Wordsworth

La simpatia costituisce amicizia; ma nell’amore c’è una sorta di antipatia, o passione opposta. Ciascuno si sforza di essere l’altro, ed entrambi insieme formano un tutt’uno.
Samuel Taylor Coleridge

Se non sarai il mio San Valentino, mi impiccherò al tuo albero di Natale.
Ernest Hemingway

Se solo San Valentino fosse in giro per vedere la sua memoria celebrata attraverso il marketing insensato di panna montata e lingerie.
Dov Davidoff

Se l’amore è cieco, perché la lingerie è così popolare?
Dorothy Parker

L’amore cura le persone, sia quelle che lo danno sia quelli che lo ricevono.
Karl A. Menninger

Oggi è San Valentino o, come piace chiamarlo agli uomini, il giorno delle estorsioni!
Jay Leno

dal tuo San Valentino

San Valentino (italiano: San Valentino, latino: Valentinus) noto come San Valentino di Roma era un santo romano del III° secolo, ampiamente riconosciuto e commemorato nella cristianità il 14 febbraio. Il nome “Valentino” derivava da valente (degno, forte, potente) , era popolare nella tarda antichità. Circa undici altri santi che hanno il nome di San Valentino sono commemorati nella Chiesa cattolica romana.

Dall’alto medioevo il giorno di questo santo è stato associato ad una tradizione di amore cortese. È anche il santo patrono dell’epilessia, che è un disturbo del sistema nervoso centrale (neurologico) in cui l’attività cerebrale diventa anormale, causando convulsioni o periodi di comportamenti insoliti, sensazioni e talvolta perdita di consapevolezza.

Il giorno di San Valentino si verifica ogni 14 febbraio. Negli Stati Uniti e in altri luoghi del mondo, caramelle, fiori e regali vengono scambiati tra i propri cari, il tutto in nome di San Valentino. Ma chi è questo misterioso santo e da dove vengono queste tradizioni? Scopri la storia di San Valentino, dall’antico rituale romano di Lupercalia che diede il benvenuto alla primavera alle usanze di consegna delle carte dell’Inghilterra vittoriana.

La storia di San Valentino, e la storia del suo santo patrono, è quindi avvolta nel mistero. Sappiamo che febbraio è stato a lungo celebrato come un mese di romanticismo e che il giorno di San Valentino, come lo conosciamo oggi, contiene vestigia sia della tradizione cristiana che di quella romana antica. Ma chi era San Valentino, e come si è associato a questo antico rito?

San Valentino era un ecclesiastico, sacerdote o vescovo, nell’impero romano che serviva ai cristiani perseguitati. Fu martirizzato e il suo corpo sepolto in un cimitero cristiano sulla Via Flaminia vicino al Ponte Milvio a nord di Roma, il 14 febbraio, che è stata osservata come festa di San Valentino (San Valentino) dal 496 d.C.

Happy Saint Valentine
Happy Saint Valentine

Le sue reliquie furono custodite nella Chiesa e nelle Catacombe di San Valentino a Roma, e “rimasero un importante luogo di pellegrinaggio per tutto il Medioevo fino a quando furono trasferite nella chiesa di Santa Prassede durante il pontificato di Niccolò IV”. Il suo teschio, coronato di fiori, è esposto nella Basilica di Santa Maria in Cosmedin, Roma; altre sue reliquie furono portate nella chiesa carmelitana di Whitefriar Street a Dublino, in Irlanda, dove rimangono; questa casa di culto continua ad essere un popolare luogo di pellegrinaggio, soprattutto il giorno di San Valentino, per chi cerca l’amore.

L’Enciclopedia Cattolica e altre fonti agiografiche parlano di tre santi Valentino che compaiono in relazione al 14 febbraio. Uno era un prete romano, un altro il vescovo di Interamna (moderna Terni, Italia) entrambi sepolti lungo la Via Flaminia fuori Roma, a diverse distanze da la città. Si diceva che il terzo fosse un santo che soffrì lo stesso giorno con un certo numero di compagni nella provincia romana d’Africa, di cui non si sa altro.

San Valentino è commemorato nella Comunione anglicana e nelle Chiese luterane il 14 febbraio. Nella Chiesa ortodossa orientale, è riconosciuto il 6 luglio; inoltre, la Chiesa ortodossa orientale osserva la festa di Hieromartyr Valentine, vescovo di Interamna, il 30 luglio. Nel 1969, la Chiesa cattolica romana ha rimosso il suo nome dal calendario romano generale, ma continua a riconoscerlo come santo, elencandolo come tale nell’entrata del 14 febbraio nel Martirologio Romano, e che autorizza la sua venerazione liturgica il 14 febbraio in qualsiasi luogo dove quel giorno non è dedicato a qualche altra celebrazione obbligatoria, secondo la regola che in tale giorno la Messa può essere quella di qualsiasi santo elencato nel Martirologio per quel giorno.

L’incongruenza nell’identificazione del santo è replicata nelle varie vite che gli vengono attribuite. Un’agiografia comune descrive San Valentino come un prete di Roma o come l’ex vescovo di Terni, importante città dell’Umbria, nell’Italia centrale. Mentre era agli arresti domiciliari del giudice Asterio e discuteva con lui della sua fede, Valentino (la versione latina del suo nome) stava discutendo della validità di Gesù. Il giudice ha messo alla prova Valentino e gli ha portato la figlia cieca adottiva del giudice. Se Valentino fosse riuscito a ripristinare la vista della ragazza, Asterio avrebbe fatto qualunque cosa avesse chiesto.

Valentino, pregando Dio, pose le mani sui suoi occhi e la vista della ragazza fu ripristinata. Immediatamente umiliato, il giudice ha chiesto a Valentino cosa avrebbe dovuto fare. Valentino rispose che tutti gli idoli intorno alla casa del giudice dovrebbero essere stati rotti, e che il giudice avrebbe dovuto digiunare per tre giorni e poi sottoporsi al sacramento cristiano del battesimo. Il giudice obbedì e, a seguito del suo digiuno e della sua preghiera, liberò tutti i detenuti cristiani sotto la sua autorità. Il giudice, la sua famiglia e tutti i suoi parenti con anche i servitori furono poi battezzati. Valentino fu poi nuovamente arrestato per aver continuato ad evangelizzare e inviato al prefetto di Roma, dallo stesso imperatore Claudio Gotico (Claudio II).

Claudio lo prese comunque in simpatia fino a quando Valentinus cercò di convincerlo ad abbracciare il cristianesimo, Claudio in effetti rifiutò e comandò a Valentino di rinunciare alla sua fede o sarebbe stato picchiato con i bastoni e decapitato. Valentinus rifiutò e il comando di Claudio fu eseguito fuori dalla Porta Flaminia il 14 febbraio 269. Altre storie suggeriscono che Valentino potrebbe essere stato ucciso per aver tentato di aiutare i cristiani a fuggire dalle dure prigioni romane, dove venivano spesso picchiati e torturati. Un abbellimento a questo racconto afferma che prima della sua esecuzione, San Valentino scrisse una nota alla figlia di Asterio firmata “dal tuo Valentino”, che si dice abbia “ispirato le missive romantiche di oggi”, un’espressione che è ancora in uso oggi.

In sintesi, visto che esistono molti Santi di nome Valentino, e, a parte il fatto che tutti furono martiri, non si sa molto di loro possiamo concludere che due sono i più noti. San Valentino da Terni, nato a Interamna (oggi Terni) nel 176, proteggeva gli innamorati, li guidava verso il matrimonio e li incoraggiava a mettere al mondo dei figli. La letteratura religiosa (e non storica) descrive il santo anche come guaritore degli epilettici e difensore delle storie d’amore, soprattutto quando queste sono infelici: si racconta, per esempio, che abbia messo pace tra due fidanzati che litigavano, offrendo loro una rosa.

Il giorno di San Valentino
Il giorno di San Valentino

Il secondo, invece sarebbe morto a Roma il 14 febbraio del 274, decapitato. Per alcune fonti sarebbe lo stesso vescovo di Terni. Per altri, tesi più plausibile, sarebbe un altro martire cristiano. Per altri ancora, non sarebbe mai esistito. Ad ogni modo, si racconta che Valentino sarebbe stato giustiziato perché aveva celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano. La cerimonia avvenne in fretta, perché la giovane era malata. E i due sposi morirono, insieme, proprio mentre Valentino li benediceva. A chiudere il cerchio della tragedia sarebbe poi intervenuto il martirio del celebrante.

In ogni caso, sebbene la verità dietro le leggende di San Valentino sia oscura, tutte le storie enfatizzano il suo fascino come figura simpatica, eroica e, soprattutto, romantica. Nel Medioevo, forse grazie a questa fama, Valentino sarebbe diventato uno dei santi più popolari in Inghilterra e in Francia. Mentre alcuni credono che il giorno di San Valentino sia celebrato a metà febbraio per commemorare l’anniversario della morte o della sepoltura di San Valentino, che probabilmente avvenne intorno al 270 d.C., altri affermano che la chiesa cristiana potrebbe aver deciso di collocare la festa di San Valentino nel mezzo del Febbraio nel tentativo di “cristianizzare” la celebrazione pagana di Lupercalia.

Celebrato alle Idi di febbraio, o il 15 febbraio, Lupercalia era un festival della fertilità dedicato a Fauno, il dio romano dell’agricoltura, nonché ai fondatori romani Romolo e Remo. Per iniziare la festa, i membri dei Luperci, un ordine di sacerdoti romani, si riunivano in una grotta sacra dove si credeva che i bambini Romolo e Remo, i fondatori di Roma, fossero stati accuditi da una lupa. I sacerdoti avrebbero sacrificato una capra, per la fertilità, e un cane, per la purificazione.

Tali rituali prevedevano festeggiamenti sfrenati ed erano apertamente in contrasto con la morale e l’idea di amore dei cristiani. In particolare il clou della festa si aveva quando le matrone romane si offrivano, spontaneamente e per strada, alle frustate di un gruppo di giovani nudi, devoti al selvatico Fauno Luperco. Anche le donne in dolce attesa si sottoponevano volentieri al rituale, convinte che avrebbe fatto bene alla nascita del pargolo.

In particolare dopo aver scuoitato la capra ne tagliavano la pelle a striscie che poi immergevano nel sangue sacrificale e poi scendevano in strada, schiaffeggiando delicatamente sia le donne che i campi coltivati con la pelle di capra. Lungi dall’essere paurose, le donne romane hanno accolto con favore il tocco delle pelli perché si credeva che le rendesse più fertili nel prossimo anno. Nel corso della giornata, secondo la leggenda, tutte le giovani donne della città avrebbero posto i loro nomi in una grande urna. Gli scapoli della città avrebbero scelto ciascuno un nome e sarebbero stati accoppiati per l’anno con la donna prescelta. Queste partite spesso finivano con il matrimonio.

Lupercalia sopravvisse all’iniziale ascesa del cristianesimo ma fu messa fuori legge, in quanto ritenuta “non cristiana”, alla fine del V secolo, nel 496 d.C. quando papa Gelasio dichiarò il 14 febbraio San Valentino. Tuttavia, fu solo molto più tardi che il giorno fu definitivamente associato all’amore e agli innamorati. Durante il Medioevo, in Francia e in Inghilterra si credeva comunemente che il 14 febbraio fosse l’inizio della stagione degli amori degli uccelli, il che ha aggiunto l’idea che la data di San Valentino dovesse per forza essere la stagione giusta per il romanticismo.

Il poeta inglese Geoffrey Chaucer è stato il primo a registrare il giorno di San Valentino come un giorno di celebrazione romantica nella sua poesia del 1375 “Parliament of Foules”, scrivendo: “For this was sent on Seynt Valentyne’s day / Whan every foul cometh ther to choose his mate, ovvero Per questo è stato inviato il giorno di San Valentino Quando ogni uccello viene a scegliere il suo compagno. ” Questo poema associava quindi Cupido a San Valentino che così divenne il tramite ultraterreno della dimensione dell’Amore cortese. Gli auguri di San Valentino erano popolari fin dal Medioevo, anche se le scritte di San Valentino non iniziarono ad apparire fino a dopo il 1400.

La tradizione di San Valentino
La tradizione di San Valentino

Il più antico testo composto per San Valentino ancora oggi esistente è costituito da una poesia scritta nel 1415 da Carlo, Duca d’Orleans, a sua moglie mentre era imprigionato nella Torre di Londra in seguito alla sua cattura nella battaglia di Agincourt. (Il saluto fa ora parte della collezione di manoscritti della British Library di Londra, Inghilterra.) Diversi anni dopo, si ritiene che il re Enrico V abbia assunto uno scrittore di nome John Lydgate per comporre un biglietto di San Valentino a Caterina di Valois.

Cupido è spesso raffigurato sulle carte di San Valentino come un cherubino nudo che lancia frecce d’amore contro amanti ignari. Ma il dio romano Cupido ha le sue radici nella mitologia greca come il dio greco dell’amore, Eros. I conti della sua nascita variano; alcuni dicono che sia il figlio di Nyx ed Erebus; altri, di Afrodite e Ares; altri ancora suggeriscono che sia il figlio di Iris e Zefiro o anche Afrodite e Zeus (che sarebbero stati sia suo padre che suo nonno).

Secondo i poeti arcaici greci, Eros era un bell’immortale che giocava con le emozioni degli dei e degli uomini, usando frecce d’oro per incitare l’amore e quelle di piombo per seminare avversione. Fu solo nel periodo ellenistico che iniziò a essere ritratto come il bambino birichino e paffuto che era diventato sulle carte di San Valentino. Oltre che negli Stati Uniti, San Valentino viene celebrato in Canada, Messico, Regno Unito, Francia e Australia. In Gran Bretagna, il giorno di San Valentino iniziò a essere celebrato popolarmente intorno al XVII secolo.

Verso la metà del diciottesimo secolo, era comune per gli amici e gli amanti di tutte le classi sociali scambiarsi piccoli segni di affetto o note scritte a mano, e nel 1900 le carte stampate iniziarono a sostituire le lettere scritte a causa dei miglioramenti nella tecnologia di stampa. Le carte già pronte erano un modo semplice per le persone di esprimere le proprie emozioni in un’epoca in cui l’espressione diretta dei propri sentimenti era scoraggiata. Anche le tariffe postali più economiche hanno contribuito ad aumentare la popolarità dell’invio degli auguri di San Valentino. Gli americani probabilmente iniziarono a scambiarsi i biglietti di S. Valentino fatti a mano all’inizio del 1700. Negli anni intorno al 1840, Esther A. Howland iniziò a vendere i primi San Valentino prodotti in serie in America.

Howland, conosciuta come la “Madre di San Valentino”, ha realizzato creazioni elaborate con veri pizzi, nastri e immagini colorate note come “rottami”. Oggi, secondo la Greeting Card Association, ogni anno vengono inviati circa 145 milioni di biglietti di San Valentino, rendendo il giorno di San Valentino la seconda festa più grande dell’anno per l’invio di biglietti (più biglietti vengono inviati a Natale). Le donne acquistano circa l’85% di tutti i biglietti di San Valentino.

Citazioni per San Valentino ;

Riflessioni sull’amore (Autori Vari) ;

Aforismi sull’amore (Autori Vari) ;

Citazioni sull’amore (Autori vari) ;

Pensieri sull’amore di Carl William Brown ;

Aforismi sull’amore di Carl William Brown ;

Quotes on Love

Great proverbs on love

Gli insegnamenti di Socrate
Citazioni per San Valentino
La storia di San Valentino ultima modifica: 2021-01-14T19:52:44+00:00 da Carl William Brown